“I Borghesi sono il passato per l’Occidente? O sono il nuovo inizio? (2/2)”

La Borghesia… molti dicono non esista più. Sicuramente sta soffrendo molto in Italia ed in tutto l’Occidente.
Terminai appositamente il precedente post http://forzaliberta.com/blog/2014/07/destra-sinistra-dicotomia-da-ammodernare-ritornando-al-passato-per-proiettarsi-nel-futuro/
con un “però” dopo avere accennato alla borghesia come classe sociale. Perché mi era tornato in mente il pamphlet Straborghese di Sergio Ricossa pubblicato nel 1980. Il “però” nasce dal titolo del secondo capitolo “Perché è inutile ammazzare i borghesi” in cui troviamo le seguenti frasi:
… l’errato presupposto che la borghesia sia una classe sociale.
La borghesia è invece un tipo umano, è un carattere…
Il carattere borghese… è in parte innato e in parte coltivato
… è più facile diventare borghesi provenendo da famiglie di modesta condizione.
… i borghesi possono nascere ovunque… e di fatto sono nati in ogni tempo.
… ve ne sono sempre stati e sempre ve ne saranno, qualunque rivoluzione si faccia.

Eccoci giunti al punto. La classe sociale denominata borghesia non esiste più. È una verità innegabile. In questo la Sinistra ha vinto. Anche quando negli anni ’80 la classe media era viva e vegeta, la parola Borghesia era impronunciabile… quasi una parolaccia… Ora poi che sembra non esistere quasi più la classe media…
Ma se il borghese è un carattere… allora è da questo tipo umano che l’Occidente deve ripartire. E come è molte volte accaduto… ciò che appariva essere una fine… risulterà essere un nuovo inizio.

Questa voce è stata pubblicata in Gli Scritti di Forza Libertà. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento